“Avevo fame e mi avete dato da mangiare…”
“Avevo sete e mi avete dato da bere….”
“Ero nudo e mi avete vestito…”
“Ero forestiero e mi avete ospitato…”.

15/06/2011 – Il Cittadino
All’oratorio di Maleo Cena etnica per la festa della Caritas
Oltre cento cittadini italiani e stranieri seduti allo stesso tavolo per la cena: a Maleo l’oratorio ha ospitato la festa conclusiva del primo corso di alfabetizzazione per stranieri organizzato dalla Caritas. I malerini di ogni origine hanno sfoggiato le loro capacità culinarie, dando forma ad appetitosi piatti
serviti vicendevolmente per la cena multietnica che ha sancito la fine di un percorso comune di formazione, ma molto di più: di condivisione. «Il corso di alfabetizzazione ha visto la partecipazione di cinque insegnanti volontari che sono Pia Tansini, Silvia Milani, Giovanna Belloni, Enza Scaglioni e Franca Pesenti - ha spiegato il presidente della Caritas Giuseppe Milani - e una trentina sono gli stranieri che hanno seguito le lezioni di italiano». «Con questa cena si è colta l’occasione per festeggiare la fine di questo primo corso per cui sono pervenute tantissime richieste - ha continuato Milani -, ma questa cena rappresenta la conclusione delle attività Caritas di quest’anno». Marocco, India, Tunisia, Romania, Albania: queste le nazionalità che hanno cenato insieme. L’Italia ha tentato tutti con un delicato risotto mantecato; l’India ha stuzzicato con chapati al pepe, gazarela al latte, riso con verdure e shamosa. Il Marocco ha preferito un menù di pesce senza rinunciare al tradizionale cous cous. Dalla Romania è arrivato un buon piatto di sarmale. Alla serata non sono mancati il parroco don Enzo Raimondi, il presidente Auser Mario Bernasconi e alcuni rappresentanti del comune.
Sara Gambarini


Photogallery