“Avevo fame e mi avete dato da mangiare…”
“Avevo sete e mi avete dato da bere….”
“Ero nudo e mi avete vestito…”
“Ero forestiero e mi avete ospitato…”.

Quanto fossero convinti i sentimenti dei nostri amici di varia etnia lo si è potuto riscontrare il lunedì 27 alle 17.00 in cui era programmato, nella struttura della “Casa Dono della Provvidenza”, l’inizio del corso di italiano: erano presenti 11 donne di varia etnia e 7 bambini, ma già alcune donne, assenti per impedimenti, hanno garantito la propria presenza per venerdì 1 ottobre, sempre alle 17.00, in occasione della seconda lezione.
Il corso, che si estenderà per l’intero anno scolastico e sarà strutturato in 2 momenti didattici il lunedì ed il venerdì dalle ore 17.00 alle ore 18.00, sarà curato da 5 insegnanti professionali ed avrà anche funzione di dopo-scuola per assistere i bambini in età scolare nello svogimento dei compiti.
A tutti, volontari e insegnanti, la Caritas Parrocchiale rinnova i propri sentimenti di gratitudine per aver saputo dimostrare, anche in questa occasione, la propria sensibilità, le proprie attenzioni e aver saputo dedicare il proprio tempo a chi vive condizioni di vero disagio.


Photogallery